Crea sito

RECENSIONE Smartphone CUBOT P20 – Tutto buono o altro FLOP?

 

Cubot P20, copie su copie, si tratta di un ‘altro FLOP o invece è veramente un Dispositivo Valido?

Non stiamo parlando del solito FLOP, ma di certo non ci avviciniamo agli standard che noi tutti ci aspettiamo. Lo Smartphone in questione risponde in modo semi-reattivo a ciò che gli chiediamo. Basti pensare all’impronta digitale. Non dotato di un FACE-ID, sarebbe il modo più sicuro e veloce, soprattutto, per sbloccare lo Smartphone, ma quest’ultimo non solo non riconosce 10 su 10 la nostra impronta, il suo sblocco non è reattivo e repentino come ci si aspetta da Smartphone di

questa fascia.

Attenzione, non facciamoci confondere dalla solita “Barra nascosta” di cui ormai tutti stanno copiando il design dal primo “Iphone X”, ciò non implica che la qualità dello Smartphone sia uguale a quella dell’ultimo Brand citato.

Sono numerose le applicazioni che non riescono a utilizzare completamente lo schermo, tra cui YouTube, che mostra due vistose barre nere laterali. alcuni giochi

inoltre non riescono a sfruttare le “corna” e hanno dunque un aspetto non uniforme, con lo schermo spostato verso la parte inferiore, dove la curvatura degli angoli è decisamente pronunciata. Lo schermo ha una diagonale di 6,18 pollici con risoluzione FullHD+ (1080 x 2246 pixel), con una buona luminosità e angoli visivi elevati.

I 4 GB di RAM, affiancati da 64 GB di memoria interna espandibile con microSD fino a 128 GB, garantiscono la possibilità di avere numerose applicazioni aperte senza che ci siano rallentamenti. Solo nel gaming, com’è logico aspettarsi, è possibile osservare qualche rallentamento, nei titoli più complessi. Da sottolineare la presenza di un motore di vibrazione di scarsa qualità, che restituisce un feedback davvero poco convincente.

Buona la connettività, anche se non di ultima generazione: abbiamo il supporto alla banda 20 delle reti 4G/LTE, WiFi a singola banda, Bluetooth 4.0, connettore microUSB, dual SIM e lettore di impronte digitali preciso ma non velocissimo nello sblocco.

Non male la qualità costruttiva, anche se la cover posteriore, realizzata in policarbonato, tende a rigarsi con estrema facilità. Nella confezione di vendita è comunque presente una cover in silicone morbido per proteggerla, anche in casi di cadute. Il frame metallico garantisce comunque una buona rigidità strutturale mantenendo il peso contenuto in 167 grammi.

Le dimensioni sono discretamente compatte, 156,25 x 75,25 x 8,5 millimetri, con una cornice superiore quasi inesistente e una inferiore più pronunciata, anche se comunque molto ridotta. La fotocamera posteriore “a semaforo” farà storcere il naso ai puristi del design, ma tutto sommato l’aspetto dello smartphone è equilibrato. L’unico appunto può essere fatto agli angoli dello schermo, eccessivamente arrotondati, che danno l’impressione di una maschera applicata sopra a un classico display squadrato.

Buona la ricezione telefonica, anche in zone disagiate o all’interno degli edifici, dove si comporta meglio di altri dispositivi più blasonati. Leggermente sottotono la connettività WiFi, che perde occasionalmente il segnale allontanandosi di pochi metri dal router, anche se in questo caso il problema potrebbe essere risolto con un aggiornamento firmware.

Niente da eccepire invece per quanto riguarda l’autonomia: la batteria da 4.000 mAh svolge egregiamente il suo lavo

 

ro, e grazie al SoC non particolarmente energivoro permette di raggiungere senza problemi i due giorni di autonomia, con almeno 6 ore di schermo acceso. Anche nelle giornate stress, con un uso più elevato, la batteria ci ha sempre portati fino a sera, con una carica residua del 20% e almeno sette ore di schermo acceso. Il supporto alla ricarica rapida 5V/2A consente inoltre di avere la batteria carica in breve tempo.

Se cercate qualcosa in grado di garantirvi una buona autonomia potete sceglierlo senza dubbi, per il resto degli utenti possiamo affermare che questo smartphone non offre novità tali da ovviare ai difetti evidenziati, per cui è meglio rivolgersi ad altro.