Crea sito

Videocamere di sicurezza migliori sul mercato: partiamo dalla Hikam Q7 Wireless

La redazione di Smile Commerce è stata gentilmente invitata a recensire il prodotto, vi esortiamo a leggere l’articolo e nel caso foste interessati ad acquistarlo attraverso il link a fine articolo.

PER ACQUISTARE IL PRODOTTO: clicca qui 

Premetto col dire che a causa di persone anziane e molto piccole all’interno di casa, avevo necessariamente bisogno di un modo attraverso il quale tenere sotto controllo i loro movimenti.
Nonostante il prezzo forse un po’ alto, ho deciso di acquistare il prodotto, forse un po’ spinto dalle recensioni positive su quest’ultimo.
La mia scelta è ricaduta su questa videocamera soprattutto perchè è possibile attaccarla al muro, ma principalmente per la presenza di un cavo WLAN attraverso il quale poter collegare la videocamera con una connessione internet.
Purtroppo all’interno della confezione non è presente un manuale d’istruzioni, ma solamente un foglio illustrativo, ripetuto nelle varie lingue, attraverso il quale è possibile seguire passo per passo l’installazione della videocamera e la sua associazione al nostro smartphone.

Partendo ad analizzare subito la sua installazione, è veramente molto facile ed è spiegato nei minimi dettagli. È possibile configurare la sua installazione attraverso due modalità: tramite WLAN o tramite AirLink. Personalmente, consiglio di effettuare la prima tra le due scelte (alternativa n. 2 sul manuale). Tramite questa installazione, infatti, è possibile gestire la visione delle immagini attraverso una connessione internet.
L’installazione viene eseguita interamente attraverso l’applicazione dell’azienda, Hikam, che è disponibile sia in Google Play che Itunes.

La ripresa dei video viene gestita, come detto precedentemente, attraverso lo smartphone o qualsiasi dispositivo che possiede un sistema Android o iOS. Trovo sia un punto negativo il fatto che sia possibile spostare attraverso gli assi verticali ed orizzontali la ripresa a “scatti”, come se ci fosse prefissato un movimento di qualche centimetro ad ogni click. Il movimento della videocamera a quel punto non sarà più fluida, infatti nel caso succedesse qualcosa di molto veloce e rapido, non è possibile seguirla interamente, dato che ci vuole un po’ prima che il video raggiunga, dopo qualche click, l’altra parte della stanza. Consiglio quindi di attaccare al muro la videocamera, in un punto nel quale riesca a riprendere in ogni caso la scena. Nel caso in cui il video risulti troppo distante, non è un problema, sarà infatti possibile applicare uno zoom alla ripresa video senza che quest’ultimo si sgrani, la qualità viene garantita anche in quel caso.

Normalmente, la videocamera non registra a circuito chiuso ma svolge solo una funzione di ricevimento e trasmissione dati. Sarà possibile però modificare questo settaggio per fare in modo di registrare un video mentre noi siamo via, in modo da tenere sotto controllo ciò che è successo mentre eravamo assenti da casa. Attraverso lo stesso principio, è possibile anche scattare delle fotografie.
Funzioni che, ricordo, possono essere utilizzate solo se all’interno è presente una scheda Micro SD (disponibile nella confezione)

L’inserimento di un sensore di movimento da la possibilità che la registrazione del video avviene in automatico.

Personalmente penso che sia un acquisto giusto, da fare solo nella situazione necessaria perchè è un investimento alto, ma sinceramente trovo che in qualsiasi casa debba essere presente, anche solo per precauzione, un elemento di questo tipo.
Acquisto consigliato.